Alto contrasto Aa Aa Aa
Modalità notturna Default
 
 
uploads/elenco_1/4-2-banner_Panchina_Rossa.png
Sei qui: HOME » News » Nuova Ordinanza Regionale n.37 - consentito spostamenti su tutto il territorio regionale per orti e potature.

Nuova Ordinanza Regionale n.37 - consentito spostamenti su tutto il territorio regionale per orti e potature.

Emergenza COVID-19

16/04/2020

Riportiamo, nel link di seguito, l'Ordinanza Regionale n.37, nel quale si fa chiarezza riguardo la manutenzione degli spazi agricoli ed i relativi spostamenti.

Riportiamo anche la seguente nota a commento della Regione Abruzzo riguardo la medesima Ordinanza:

Link in allegato: Allegato Ordinanza Regionale n.37

 

  • Relativa alle “Nuove misure recanti misure ambientali e demaniali” prevede la “prevenzione di danni all’incolumità personale e al patrimonio arboreo naturale”. In questo ambito i cittadini abruzzesi vengono autorizzati a interventi di potatura, spalcatura, taglio di rami pericolosi o che ostruiscono la visibilità o la viabilità stradale. E’ possibile abbattere piante malate o morte o pericolose per l’incolumità pubblica nonché l’attività di pulizia degli argini dalla vegetazione spontanea che impedisce il corretto drenaggio delle acque.
    Per quanto riguarda la “manutenzione” di orti, vigneti ed ortofrutticole in genere, l’ordinanza parla di interventi colturali normalmente svolti nella stagionalità in atto e dunque “urgenti” per il periodo temporale di riferimento. Tra le urgenze è ammesso coltivare l’orto per il sostentamento familiare da parte di agricoltori non professionali. Per questo tipo di interventi è consentito lo spostamento solo all’interno del territorio regionale, quindi anche tra Comuni diversi, da un massimo di due componenti del medesimo nucleo familiare e limitatamente ad una sola volta al giorno, con rientro nella medesima giornata nel posto da cui è partiti; deve essere inoltre sempre garantito l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Rimangono le restrizioni previste dal legislatore nazionale relativamente alle “seconde case”.