Alto contrasto Aa Aa Aa
Modalità notturna Default
 
 
uploads/elenco_1/3-2-slide_3.png
Sei qui: HOME » News » Trasporto gratuito per le cure del bimbo affetto da una grave forma di autismo

Trasporto gratuito per le cure del bimbo affetto da una grave forma di autismo

Politiche sociali

14/06/2012

Trasporto gratuito per le cure del bimbo affetto da una grave forma di autismo

Il Comune di Tocco da Casauria, come già in precedenza proposto alla famiglia del minore, si occuperà del trasporto del bimbo di sette anni afflitto da una disabilità grave e permanente, presso i centri di cura, assicurando, ove ce ne fosse bisogno, uguale sostegno anche ad altri minori affetti da gravi disabilità.

Mercoledì 13 giugno, seduti intorno ad un tavolo, l’Amministrazione comunale e la famiglia Leone, alla presenza di un rappresentante dell’associazione Alba Autismo, Giuseppe Gasbarro, hanno trovato una soluzione condivisa per assicurare il trasporto al piccolo, superando di fatto divisioni ed incomprensioni, createsi a seguito della posizione della famiglia che sosteneva che l’ente fosse tenuto all’integrale rimborso delle spese di trasporto del minore.

Il buon senso dei presenti alla tavola rotonda ha permesso alla madre del minore Cristina Tanasescu di superare le sue iniziali posizioni di rigidità.

“Il Comune assicurerà il trasporto presso gli istituti di cura, come già fa per altri minori – ha sottolineato il sindaco Luciano Lattanzio – L’amministrazione (all’incontro erano presenti oltre al primo cittadino, anche il vicesindaco Tonio Greco, la consigliera delegata Anna Maria Di Biase, i consiglieri comunali Stefano Di Giulio e Marika Melchiorre e la responsabile del servizio Francesca Vecchi) - ha seguito con rigore e correttezza tutta la vicenda della famiglia Leone, erogando un contributo, come da Regolamento, basato sull’equità sociale”.

Dichiarano Cristina ed Antonio Leone di essere soddisfatti di aver trovato una soluzione condivisa, facendo un ulteriore passo verso la risoluzione della problematica. Da parte sua, la famiglia e in particolare la madre del piccolo, Cristina Tanasescu, da ha sospeso lo sciopero della fame e ha riconosciuto di aver utilizzato “lo sciopero della fame” come un gesto estremo, dettato da una mancanza di certezze, ed oggi si è detta “molto contenta della positiva risoluzione della vicenda”.

La signora aggiunge, inoltre: “Ringrazio il Comune di Tocco da Casauria per la positività del dialogo intrattenuto anche con il delegato dell’associazione ALBA AUTISMO”.

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E CRISTINA TANASESCU – ANTONIO LEONE